l\'esperto risponde
In questa sezione potete rivolgere le vostre domande a vari specialisti. Le risposte saranno pubbliche, ma garantiremo l´anonimato cambiando nomi e situazioni. Le risposte complete degli specialisti arriveranno anche direttamente a voi nella vostra casella mail.

fai la tua domanda
Dora chiede:

La depressione post partum può ritornare?

D: Mio figlio ha quasi 5 anni e ricordo come fosse ieri la sensazione di infinita tristezza che avevo nel periodo successivo al parto, anche dopo diversi mesi… ero molto nervosa (forse per il fatto che dormivo poco) e spesso piangevo per niente. Ora mi rendo conto di non aver vissuto nel modo migliore la mia maternità, non godendomi le piccole grandi conquiste di mio figlio. Ora mi piacerebbe avere un secondo figlio (ho 40 anni appena compiuti) ma ho paura… paura che quella tristezza possa rubarmi i momenti più belli e far vivere nuovamente in modo negativo la nascita di nostro figlio a  me e mio marito. Mio marito infatti non è propenso per avere un altro figlio, soprattutto perché abbiamo avuto molta paura per la sua salute a causa di frequenti bronchiti e per un ricovero per polmonite a 3 anni del nostro primogenito. Non so se insistere per un secondo figlio o rassegnarmi che  forse la maternità non fa per me. Il tempo biologico mi dice di sbrigarmi a decidere ma è difficile convincere un marito se io stessa ho paura. È probabile che la depressione post-partum possa ritornare con una seconda gravidanza? È possibile prendere qualcosa che possa aiutare ad avere alto il buonumore ? Grazie per l’aiuto.

R: Cara Dora, la nascita di un bambino e la sua gestione nel post partum comportano sempre una grande fatica per i neogenitori che devono riorganizzare la propria vita. Si tratta quindi di un periodo molto impegnativo, non solo dal punto di vista pratico ma anche da quello emotivo,  per la maggior parte delle donne. Inoltre le malattie fisiche del vostro bambino hanno probabilmente reso ancor maggiore il carico emotivo da sostenere. Ogni gravidanza è comunque a sé stante e quindi non si può dire che l’esperienza della prima possa essere uguale alla seconda. Mi sembra che possa tuttavia essere utile che lei e suo marito consultiate un terapeuta che vi aiuti a prendere una decisione condivisa in merito ad una seconda gravidanza. Cari saluti. O.N.Da – Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna

Vota:
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Caricamento ... Caricamento ...
top
IL FORUM


Condividi con la nostra community di mamme i tuoi problemi!

TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: