l\'esperto risponde
In questa sezione potete rivolgere le vostre domande a vari specialisti. Le risposte saranno pubbliche, ma garantiremo l´anonimato cambiando nomi e situazioni. Le risposte complete degli specialisti arriveranno anche direttamente a voi nella vostra casella mail.

fai la tua domanda
Elena chiede:

Dopo il parto, non trovo più equilibrio e serenità

D: Salve a tutti sono entrata per caso, in questo sito ma mi piace molto, e soprattutto vedo che comunque non sono l’unica a soffrire d’ansia, mi rispecchio molto in tante mamme… ho un bellissimo bambino di 4 anni che amo molto, prima di rimanere incinta molto prima ho sofferto di attacchi di panico curati con i farmaci, sono sempre stata negativa con me stessa e non mi sono mai accettata, e sono sempre insicura, ho avuto un atteggiamento mentale con me stessa molto duro e arrabbiato… ho conosciuto il padre di mio figlio, dopo 2 mesi rimasi incinta voluto cercato con tutto il cuore, pensavo di essere innamorata del padre, ma invece non fu così. Nel quinto mese di gravidanza all’improvviso ho avuto un  attacco d’ansia fortissimo e allucinante, avevo pensieri persistenti e terribili, del tipo paura  di fare del male a qualcuno, mia mamma, mio figlio, amo da morire mia mamma e non capivo, stavo malissimo pensavo di essere pazza, mi curai quasi un mese con farmaci e terapia psicologica.
Poi 2 mesi prima di partorire dovetti smettere la terapia farmacologica… dopo il parto ho continuato ad avere questi pensieri e molta paura e incubi notturni  piangevo e avevo sensi di colpa… mi sono rammendata le maniche da sola ho fatto psicoterapia, e con la mia fiducia e speranza sono migliorata molto, ho lasciato il padre del bimbo e ho vissuto  da sola col mio bimbo per nove mesi circa.
Ho lottato tanto con me stessa, ma è inutile lottare con questi pensieri, mi concentravo su altre cose, leggevo libri di psicologia e filosofia che mi piacciono molto. Da un anno convivo con l’uomo che amo, stiamo molto bene insieme ci amiamo ed il mio bambino siamo una famiglia felice, il mio compagno fa da padre a mio figlio, quello che non fa quello vero.
Diciamo che ho passato un periodo che non avevo più quest’ansia terribile, è successo che sono rimasta incinta, e sono precipitati i brutti pensieri non me la sono sentita.
Avrò sbagliato ma il pensiero di stare male e passare quello che ho passato nella gravidanza precedente, mi faceva soffrire ho deciso di abortire, io sono felice sto bene ma ogni tanto o momenti mi vengono a visitare di nuovo questi pensieri ho anche attacchi di rabbia perché ho ancora qesti stati d’ansia, ho paura di perdere il controllo, sono ritornata dallo psicologo, ho tanta forza di volontà e voglia di farcela, e un giorno vorrei un  figlio dall’uomo che amo, ma perché sono tornati?
Ho qualcosa legato alla maternità? Perché prima dell’aborto non avevo niente, voglio farcela ho tanta pazienza ma più mi sforzo e più non riesco, sono 5 anni che cerco con tutte le mie forze di uscirne, ho paura di fare un figlio solo per questo, per paura di stare male, mi creda ce la metto tutta ma sembra che nn serva a niente… penso sempre che non sono una buona mamma, io sono consapevole che c’è qualcosa dentro di me che non va ma non capisco cosa.
Mi manca il mio equilibrio, la mia serenità e pace interiore con me stessa… il mio psicologo dice che io ci devo convivere e non devo fissarmi sennò entro in un circolo vizioso, ma io ci sto male cosa ci posso fare.. . sarà una tattica … cosa posso fare? Aspetto una sua risposta… cordiali saluti e mi scusi se sono stata troppo lunga a scrivere.

R: Cara Elena,
spesso la gravidanza amplifica delle ansie e delle paure che sono già presenti nella vita della donna. In questi casi, è molto positivo ritornare dallo psicologo come lei ha fatto,  per cercare di uscire da questi stati d’animo e da quello che non le permette di essere serena rispetto alla maternità.
Trovando la forza dentro di sé, si può continuare al meglio il percorso psicologico intrapreso, lavorando sulle proprie paure e sulla propria storia personale, e prepararsi con il tempo in modo positivo ad una eventuale nuova gravidanza. Questa è la strada per “preparare il terreno” e non sentirsi persa, come già le è successo, di fronte alla complessa esperienza della maternità.
Cordiali saluti, O.N.Da – Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna.

Vota:
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Caricamento ... Caricamento ...
top
IL FORUM


Condividi con la nostra community di mamme i tuoi problemi!

TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: