home | esperto risponde | gravidanza | Cosa fare se...
l\'esperto risponde
In questa sezione potete rivolgere le vostre domande a vari specialisti. Le risposte saranno pubbliche, ma garantiremo l´anonimato cambiando nomi e situazioni. Le risposte complete degli specialisti arriveranno anche direttamente a voi nella vostra casella mail.

fai la tua domanda
Roberta chiede:

Cosa fare se l’ansia prima del parto è troppa?

D: Buongiorno, sono entrata nella 37° settima di gestazione e aumenta la paura del parto. Ho sofferto di attacchi di panico in passato che una volta superati si sono ripresentati in gravidanza. Volevo chiedervi un parere professionale. Attualmente la mia paura è quella che nel giorno più importante della mia vita, come la nascita di una dolcissima bambina, non riesca a liberarmi dall’ansia. Come dovrei fare per superare questa forma di ansia che si traduce in attacco di panico nel momento in cui le mie energie dovrebbero essere tutte rivolte al dono più grande che ho ricevuto? Un attacco di panico potrebbe influenzare in maniera negativa il mio travaglio?

R: Cara Roberta, se da un lato, è fisiologico che nel terzo trimestre di gravidanza compaiano ansie e preoccupazioni legate al parto imminente, dall’altro è bene valutare il grado di tali paure. Se infatti viene superata una certa soglia di ansia, considerata buona, sana, per l’attivazione fisica e la preparazione psicologica all’evento, è necessario prendere sul serio la situazione e rivolgersi ad un medico, che valuti attentamente l’eventualità di un intervento farmacologico.
Gli studi più attuali considerano la possibiltà di ricorrere a terapie farmalogiche o di ripristinare le terapie eventualmente interrotte (in caso di disturbi d’ansia precendenti alla gravidanza), anche in considerazione dei possibili danni allo sviluppo neuronale del feto indotti dal costante aumento dei livelli di cortisolo in circolo, tipici dello stress e dell’ansia.
Risulta, dunque, molto importante riconoscere e trattare precocemente i disturbi di panico in gravidanza, senza “portarseli dietro” fino al parto.
Cari saluti, O.N.Da – Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna.

Vota:
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Caricamento ... Caricamento ...
top
IL FORUM


Condividi con la nostra community di mamme i tuoi problemi!

TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: