l\'esperto risponde
In questa sezione potete rivolgere le vostre domande a vari specialisti. Le risposte saranno pubbliche, ma garantiremo l´anonimato cambiando nomi e situazioni. Le risposte complete degli specialisti arriveranno anche direttamente a voi nella vostra casella mail.

fai la tua domanda
Electra chiede:

Senso di inutilità

D: Sono mamma di una bimba di 14 mesi. Penso di essere una mamma normale, come ce ne sono tante, più brava in alcune cose e meno in altre, mediamente paziente ma molto affettuosa. Come tutte ho vissuto dei momenti difficili e, lo ammetto, qualche volte ho pensato, ma chi me lo ha fatto fare. Mi sono sentita in colpa per questo, mi sono rovinata un paio di serate, ma comprendo anche che probabilmente il 90% delle mamme del mondo l’ha pensato almeno una volta nella vita… E quindi anche in questo mi considero una mamma nella media. Quello che da qualche mese mi fa soffrire è che mia figlia preferisce chiaramente a me mio marito. Si addormenta solo con lui, vuole stare in braccio solo a lui, lo chima quando non c’è, gli fa grandi sorrisi (molto più che a me), mi scaccia quando le vado vicino, è gelosa di lui quando lui mi bacia o mi abbraccia… Sapere di non essere il punto di riferimento di mia figlia mi fa sentire fallita, una pessima madre. Razionalmente so che non è così, ma non riesco a fare a meno di esserne convinta. Ci sono giorni in cui mi sembra di riuscire ad accettarlo, altri in cui mi sembra di farne una malattia. Mio marito da parte sua si comporta benissimo, mi supporta, non so cosa potrebbe fare per cambiare la situazione. Qualche volta mi capita di invidiare le donne che hanno mariti e padri assenti, illudendomi che se il mio non fosse così dolce e premuroso, mia figlia mi vorrebbe più bene… Ma mi rendo conto che è un pensiero molto puerile. In realtà però non sono gelosa del rapporto che agata ha con il padre, anzi ne sono molto felice, sono solo dispiaciuta che lei non provi per me lo stesso affetto. Mi sento inoltre diversa dalle altre mamme, che di solito invece si lamentano di non poter nemmeno andare in bagno perchè i bimbi non riescono a staccarsi da loro… Mi sento inutile nel mil ruolo di genitore, visto che non riesco ad essere un porto sicuro nei confronti della mia bimba.

Ho paura che questo disinteresse nei miei confronti si tradurrà in una scarsa complicità nel futuro, quando la bambina crescerà. Vorrei inoltre capire se c’è qualcosa che potrei fare per riequilibrare il nostro rapporto e se situazioni di questo genere semplicemente capitano o dipendono da qualche errore che posso aver fatto io in questi mesi. Grazie.

R: Cara Electra, queste situazioni possono dipendere da numerosi fattori, specifici per ogni famiglia. Per ritrovare un equilibrio, potrebbe interrogarsi rispetto al tema della maternità (che significato ha per lei?), del confronto con suo marito, dell’idea di essere indispensabile, ecc. Può affrontare queste domande anche con l’aiuto di uno psicologo. E’ probabile che dando una risposta a queste domande possa ritrovare una serenità maggiore che le permetta di avvicinarsi a sua figlia con meno paure. In ogni caso, provi a vedere come evolve la situazione, pensando che potrebbe essere anche solo una fase quella che sta attraversando sua figlia e che le cose potrebbero cambiare da sè rispetto ai comportamenti descritti. Cari saluti, Onda

Vota:
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Caricamento ... Caricamento ...
top
IL FORUM


Condividi con la nostra community di mamme i tuoi problemi!

TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: