l\'esperto risponde
In questa sezione potete rivolgere le vostre domande a vari specialisti. Le risposte saranno pubbliche, ma garantiremo l´anonimato cambiando nomi e situazioni. Le risposte complete degli specialisti arriveranno anche direttamente a voi nella vostra casella mail.

fai la tua domanda
Ada chiede:

Rischio una nuova depressione?

D: Salve. Non so se il mio caso rientra ancora in un post-parto in quanto i miei bambini hanno già 18 mesi. La storia col mio compagno è stata molto veloce e piena di difficoltà: in realtà ci siamo cinosciuti nel 2012 per legami d’amicizia tra le nostre famiglie e anche se lui ci ha provato più volte io non ero aperta a l’idea di una storia con lui… Al culmine di una profonda depressione (dopo quello che hanno chiamato un suicidio lento), quando finalmente ho visto la luce, la mia vita era stravolta. Non avevo più un lavoro, una casa mia, nemmeno più amicizie. Quando ho iniziato a ricostruire il mio mondo, dopo poco è iniziata la nostra storia. A metà agosto la prima uscita, ai primi di gennaio ero incinta. Desideravamo entrambi dei bambini ma non li abbiamo certo programmati, meno in una difficile situazione di precarietà che vivevamo entrambi. Comunque sono arrivati i gemelli, che adoriamo, che valgono tutti i sacrifici. Non è stato facile senza aiuti e con lavori precari, ma ce la stiamo facendo. Ora il problema sono io. Ho il terrore di ricadere in quel tunnel: bulimia, obesità, depressione… Sono sempre stanca e con i nervi tesi, spesso arrivo al limete e inizio a urlare o scoppio in lacrime davanti ai bambini. Mi sembra di non avere più vita. Dipendo dall’aiuto degli altri per le cose più semplici come fare la spesa. Economicamente dipendo del tutto dal mio compagno. Non ho spazio ne respiro. Mi sento una macchina in funzione 24/24 e non vedo spazio a miglioramenti. Mi chiedo se ce la farò o darò di matto… È solo paura o rischio davvero di cadere di nuovo in depressione?

R: Cara Ada, vista la sua storia pregressa e il suo attuale malessere, c’è il rischio che possa ricadere in uno stato depressivo. Contatti al più presto uno psicoterapeuta con cui iniziare un percorso per affrontare queste paure, la stanchezza e il nervosismo di cui parla. E’ importante non rimandare l’affrontare una situazione che dura da tempo. Cari saluti, Onda

Vota:
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Caricamento ... Caricamento ...
top
IL FORUM


Condividi con la nostra community di mamme i tuoi problemi!

TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: