l\'esperto risponde
In questa sezione potete rivolgere le vostre domande a vari specialisti. Le risposte saranno pubbliche, ma garantiremo l´anonimato cambiando nomi e situazioni. Le risposte complete degli specialisti arriveranno anche direttamente a voi nella vostra casella mail.

fai la tua domanda
B. chiede:

Mi sento sola, mi annoio e mi deprimo.

D: Buongiorno, mi rivolgo a voi perché, nonostante abbia tentato di parlarne con le persone a me vicine, nessuno sembra realmente capire il mio disagio. Tutto si risolve con un “ti capisco” ma nel concreto nessuno mi aiuta. Sono una ragazza di 28anni, con un compagno fantastico e una bimba di 10 mesi. Credo di aver reagito bene alla nuova vita, a parte il primo mese di sconforto mi sono ripresa bene ed in fretta. Il problema non è la bimba, la amo sopra ogni cosa e non mi pesa stare con lei tutto il giorno. Però c’è un però. Mi sento sola. Tanto. Per svariati motivi non ho molti contatti con le mie amiche, per la veritá ne ho pochissimi, il mio compagno lavora tutto il giorno ed io mi ritrovo sempre qui con la bimba. L’unica cosa che posso fare è uscire a passeggiare per il paese ma qui non c’e nulla e comunque quello che a me manca è parlare con qualcuno, vedere persone o poter essere libera di spostarmi. Giá, perchè sono patentata ma per le varie situazioni economiche, abbiamo una sola macchina che giustamente utilizza il mio compagno per andare al lavoro. Il risultato è purtroppo che io non posso muovermi e mi deprimo. Mi annoio. Con la piccola non so che fare, e quando siamo in casa non la posso lasciare sola un minuto col risultato che quindi non riesco a far nulla né per me stessa né per la casa. Le giornate mi sembra che passino tutte uguali ed io non ce la faccio piú. Ho perfino vergogna a lamentarmi perchè mi sento dire cose tipo “c’e chi farebbe la firma a stare a casa a crescere il proprio figlio” ed è questo il punto. Nessuno capisce che il problema per me non è stare a casa a crescere mia figlia, ma la solitudine la mancata libertá di potermene andare in giro con lei al seguito. Vorrei tanto sapere se sono io sbagliata, se esiste un modo per uscire da questa situazione e non sentirmi piú cosi sola, svogliata e pigra. Grazie per l’attenzione.

R: Cara B., specialmente nei primi mesi dopo il parto la maggior parte delle neo-mamme si sente disorientata e soprattutto, come dici tu, sola. Questo perché la maternità costringe per forza di cose a rivoluzionare la propria vita, rinunciando in qualche modo alla propria “libertà” e alla propria autonomia in funzione delle necessità del figlio. In più le situazioni della tua vita attuale non ti agevolano molto. Il mio consiglio, a tal proposito, è di trovare un supporto possibilmente da una nonna o comunque da una figura femminile in modo da poterti sollevare un po’ dalle responsabilità che il diventare mamma richiede. Il sostegno e semplicemente la condivisione risultano essere elementi indispensabili per una mamma.
Cari saluti, Onda

Vota:
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Caricamento ... Caricamento ...
top
IL FORUM


Condividi con la nostra community di mamme i tuoi problemi!

TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: