home | news | La depressione post-partum – Una...
19/4/17

La depressione post-partum – Una questione di famiglia

Il libro propone un nuovo inquadramento diagnostico della Depressione post-partum promuovendo uno sguardo clinico che abbandona l’epistemologia positivista orientandosi verso l’epistemologia della complessità che considera l’essere umano come un sistema auto-eco-organizzato che interagisce attivamente con l’ambiente in cui vive. Pertanto la depressione post-partum non è riconducibile al mondo intrapsichico della donna, così come non è assimilabile in modo assoluto al contesto circostante; è l’espressione di queste due esperienze.
Da qui è nata l’esigenza di ripensare l’intervento terapeutico, introducendo la tecnica del video-intervento, quale strumento di osservazione dell’interazione triadica in atto. Il video dona la possibilità di auto-osservarsi nell’interazione con l’altro, per riflettere non in corrispondenza a una propria ricostruzione narrativa degli eventi, quanto sulle informazioni tratte dalla visione diretta della registrazione del proprio comportamento e dell’effetto che questo ha sul comportamento altrui e viceversa. Non possiamo pensare di comprendere il post-partum, scomponendo la triade nei suoi “elementi costitutivi”, perché il “sistema famiglia” non è riconducibile a una delle singole parti che lo compongono, bensì è frutto dell’intreccio di chi abita quel legame. Solo così può essere colto il significato della sofferenza quale passaggio da un livello di coerenza ad un altro. Famiglia è tessere la propria presenza con quella dell’altro, in uno scambio tri-direzionale volto alla co-costruzione del proprio esserci. Se perdessimo di vista questo, non riusciremmo a comprendere la sofferenza quale espressione di cambiamento.

top
TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: