l\'esperto risponde
In questa sezione potete rivolgere le vostre domande a vari specialisti. Le risposte saranno pubbliche, ma garantiremo l´anonimato cambiando nomi e situazioni. Le risposte complete degli specialisti arriveranno anche direttamente a voi nella vostra casella mail.

fai la tua domanda
M. chiede:

Quando non ho nulla da fare penso e mi agito

D: Buongiorno. Ho avuto un parto naturale, tranquillo, ma subito dopo nel post parto si sono accorti della formazione di due trombi è così sono dovuti intervenire per toglierli. L’ho vissuta come un trauma. Mia figlia è sempre stata un terremoto. Non dormiva e dorme poco tutt’ora, ha un tono di voce altissimo e non sta mai ferma. Intorno ai due mesi e mezzo ho iniziato ad avere a volte sensazioni di ansia e agitazione. Alterno ancora oggi dei momenti come questi dove mi passa anche la fame e non riesco a mangiare niente. Sono sempre stata una che riusciva a tenere tutto sotto controllo ma in questo caso non è così… e mi destabilizza. Mia figlia è sempre con me, ho un marito bravissimo e anche se mia mamma abita a 300km da noi, è sempre disponibile. Io abito all’estero e mi sono laureata, abilitata e trasferita durante la gravidanza. Vita nuova, abitudini nuove in cui faccio fatica ad inserirmi. Ora le cose vanno molto meglio con la piccola però ogni tanto, soprattutto quando non ho nulla da fare o a cui pensare, la mia testa inizia a pensare che mi agito… non saprei come definire questa situazione. Grazie mille per l’ascolto.

R: Cara M., il susseguirsi degli sfortunati eventi verificatosi dopo il parto e la lontananza dalla famiglia d’origine e dalla propria città natale possono aver inciso negativamente sul senso di insicurezza e di vulnerabilità che stai sperimentando al momento. Spesso la mancanza di altre donne, come la propria madre o le amiche, con le quali comunicare e confrontarsi può rendere più faticosa la gestione di questa delicata fase di vita. Se ti è possibile prova a prendere in considerazione l’idea di invitare tua madre a stare da te per un po’ o di assumere una persona che possa darti un supporto giornaliero anche di poche ore, per permetterti così di acquisire serenità e di diventare consapevole delle gioie della maternità. Cari saluti, Onda.

TAG:
Vota:
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
Caricamento ... Caricamento ...
top
IL FORUM


Condividi con la nostra community di mamme i tuoi problemi!

TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: