Home | GRAVIDANZA E DEPRESSIONE | Ansia in gravidanza
ansia in gravidanza

L'ansia in gravidanza è un sintomo da non sottovalutare. Potrebbe infatti causare problemi al nascituro e rappresentare il preludio alla depressione post-partum.

Lo stato d’ansia aumenta progressivamente con il progredire della gravidanza con valori più alti nel terzo trimestre. In particolare, se è presente nella 32° settimana, è un probabile fattore predittivo di depressione nel periodo post-natale.

Non va sottovalutata, poiché l’ansia in gravidanza potrebbe portare alla depressione post-partum, al disturbo di sviluppo e attività fetali, al basso peso alla nascita, a difetti fisici nel bambino, a problemi comportamentali-emozionali, a predisposizione alle abitudini tabagistiche ed all’uso di sostanze psicoattive e alla riduzione dell’appetito con compromissione del peso e dello sviluppo della gravidanza.

Questi comportamenti da parte della futura mamma sono indicatori di una scarsa adesione al “progetto gravidanza”, con manifestazioni che possono variare da una scarsa cura di sé alla malnutrizione materna con alterazione dello sviluppo fetale, dall’abuso di alcol, tabacco e sostanze psicoattive all’incapacità a riconoscere i prodromi del parto, fino ad arrivare ad aborti e complicanze neonatali.

top
TROVA AIUTO

Seleziona la tua regione: