Gravidanzal'esperto risponde

Aspetto un bambino e temo di poter soffrire di depressione post partum

D: Mi chiamo Raffaella, ho 26 anni e sono alla mia prima gravidanza, sono all’ottavo mese di gestazione, in questo periodo molto delicato della gravidanza in famiglia si sono verificati due lutti. Il primo di mio nipote di 11 anni e il secondo quello di mia nonna solo 2 settimana fa. Da un mese a questa parte mi è successo di avere paura dei coltelli. Nella mia mente si proiettano immagini bruttissime ma succede anche se non ho coltelli davanti hai miei occhi, immagino di fare del male alle persone a me care. Per fortuna sono paure che al momento non mi terrorizzano perché ho imparato a conviverci ma mi infastidiscono molto. La paura non mi blocca perché sono consapevole che non farei mai del male a nessuno. Ma penso delle volte di farlo alla mia bimba che ancora deve nascere. Mi sono rivolta ad una psichiatra in quanto tempo fa ho effettuato un aborto… forse tutto ciò può dipendere da questo? Vorrei sapere se in gravidanza può essere normale soffrire di questi pensieri negativi solo perché delle volte ci spaventano i cambiamenti o semplicemente perché mi sento un po’ in colpa per quell’aborto? Tutto ciò potrebbe scaturire in una depressione post partum? Grazie
R: Cara Raffaella, Lei pone delle domande complesse alle quali, come potrà facilmente capire, non è facile rispondere tramite mail. Per questo ha fatto molto bene a rivolgersi ad una psichiatra che di sicuro potrà risponderle in modo esaustivo. Durante la gravidanza o anche nel post-partum possono presentarsi alcuni pensieri-paure, come quelli ai quali lei fa riferimento e le ragioni della loro manifestazione possono essere molte e diverse. Per questo è molto importante che lei mantenga il contatto con la sua psichiatra in modo tale da poter comprendere le cause di questi pensieri e soprattutto trovare il modo per alleviarli. Cari saluti, O.N.Da – Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna.

27 Ottobre 2011

TI POTREBBE ANCHE
INTERESSARE