Post Partuml'esperto risponde

Mi sento in trappola

D: Salve, sono mamma di una bimba di 6 mesi e mezzo, vivace e sveglia. La gravidanza e i primi mesi da mamma son andati benissimo, non ho avuto crisi in particolare, ora però non sono più me stessa. Sono sempre di cattivo umore verso il mio compagno e la bambina, non ho voglia di accudirla e penso spesso a scappare via o a come tornare indietro nel tempo e non far esistere la bambina. Mi sento in trappola, spenta, e costretta a questa vita che non mi appartiene più. Non sono più felice e non riesco ad esserlo anche se mi sforzo, ma è tutto inutile. In certi momenti della giornata odio me stessa per non aver abortito quando ne ho avuto l occasione. Non mi sento stanca, ma stufa dell essere mamma, stufa di non avere la mia vita e stufa di mia figlia e del mio compagno . Lui mi aiuta molto ma nonostante ciò odio tutto e non riesco a rallegrarmi per la mia piccola . Lei non ha chiesto di nascere, l ho voluta, ma ora non è più così, piango spesso in silenzio e penso che questa non è la mia vita, non c’è la faccio più.
R: Cara I., all’interno del ciclo di vita familiare la nascita di un figlio è per la donna, la coppia e la famiglia uno dei periodi maggiormente caratterizzati da cambiamenti e da nuove responsabilità. Non sempre però i vissuti materni si configurano in termini di felicità e gioia specialmente quando subentrano sentimenti disorientanti di inadeguatezza e di sconforto. La situazione in cui ti stai trovando risulta essere molto delicata e meritevole di approfondimenti. Ciò di cui hai bisogno ora è cercare di elaborare, comprendere ed accettare questi sentimenti negativi con un supporto psicologico. A tal proposito, ti consiglio quindi di prendere contatto con uno psicoterapeuta ed iniziare il tuo “percorso” in modo tale da poter trovare o ritrovare il tuo ruolo di mamma affettiva. In aggiunta a ciò, cerca di non tenerti tutto dentro, ma di condividere i tuoi pensieri soprattutto con il tuo compagno così da non sentirti sopraffatta da limitanti paure e sensi di colpa. Cari saluti, Onda.

27 Gennaio 2017

TI POTREBBE ANCHE
INTERESSARE