Gravidanzal'esperto risponde

Temo gli ospedali e gli interventi: potrò avere un figlio?

D: Salve, le scrivo per un ”problema” che ho da qualche tempo… ho sofferto di ansia, ma seguo una terapia. Ho 21 anni, e da qualche tempo ho sempre un pensiero fisso. Vorrei avere un bambino… forse la mia fretta viene dal fatto che il mio compagno ha 25 anni in più di me. Lavoro in un nido, amo i bambini. Ne vorrei tanto uno mio. Il mio compagno ne ha già due con la ex moglie. Vorrei tanto un figlio, sono ossessionata dal pensiero, il problema può rivelarsi banale: ho il terrore, la paura di ospedali , ”punture” soprattutto, ogni volta per fare un prelievo ho paura, mi sento male. Ho paura di non farcela in gravidanza, di stare male, di avere l’ansia, del parto, di un eventuale cesareo, quindi tagli sulla pelle. Ho paura di interventi, punture, ospedali e della mia stessa ansia… come posso fare? Anzi ce la potrò fare a fare un figlio? Mi scuso in anticipo per aver fatto impazzire anche lei. Grazie mille.
R: Cara Lidia, il problema non è banale se, come dice lei, diventa un pensiero ossessivo o crea delle paure. Non so se la terapia che segue sia farmacologica o psicologica, ma le consiglio di integrarle, in modo da approfondire questa situazione prima di affrontare una eventuale gravidanza, così da prepararsi al meglio all’evento. Cari saluti, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna.

4 Aprile 2011

TI POTREBBE ANCHE
INTERESSARE