DEPRESSIONE IN GRAVIDANZA E NEL POST PARTUM: PERCHÉ?

Ansia, tristezza, sfiducia sono comuni nel delicato periodo della gravidanza e dopo il parto quando la donna è molto vulnerabile.
Se questi stati d’animo diventano persistenti e influenzano le azioni della vita quotidiana fino ad alterarle, si può parlare di depressione.

Non sei sola

  •  - Depressione Post Partum

    Trova aiuto

    La mappa dei centri di aiuto in tutta Italia.

  •  - Depressione Post Partum

    Esperto risponde

    Scrivici, i nostri esperti ti ascoltano.

In evidenza

  • Iniziativa 2018-19

    Nel 2019 Onda presenta una nuova versione del sito depressionepostpartum.it rinnovata nella grafica e nei contenuti.

  • Area Operatori

    Se vuoi candidare il tuo centro, qui puoi trovare le informazioni

  • Depressione perinatale

    La depressione è una patologia che colpisce prevalentemente le donne, con sintomi più gravi rispetto all’uomo e che possono insorgere in tutte le fasi della loro vita. Soprattutto in concomitanza con i grandi cambiamenti ormonali legati alla gravidanza e al post partum, per cui si parla di depressione perinatale.

  • Trova Aiuto Milano

    In questa pagina puoi consultare i centri milanesi specializzati nel trattamento della depressione in gravidanza e nel post partum

NEWS

news

Ansia e depressione post partum: i probiotici funzionano

L’ipotesi che si sta facendo largo è che l’intestino delle persone depresse presentino un microbiota caratteristico, con una diversa combinazione di ceppi batterici. Alcuni studi hanno già iniziato a stringere il cerchio intorno a questi indiziati, ma non solo.

news

Alanis Morissette confessa di aver sofferto di diversi aborti spontanei e di depressione post-partum

Intervistata di recente, Alanis Morissette ha confessato di aver sofferto di diversi aborti spontanei e di depressione post-partum. La cantautrice canadese, a 45 anni, è in attesa del terzo figlio, fortemente desiderato.

news

Come trasformare la maternità in un master

No, fare un figlio non è una battuta d’arresto. Al contrario, è un’assenza che migliora le competenze e permette di acquisirne di nuove, indispensabili al mercato del lavoro. Alcune aziende, in Italia, lo hanno già capito. Ecco perché conviene, oggi, adottare una nuova cultura del lavoro dalla parte delle mamme