news

E' nato il gruppo di Auto Aiuto per la depressione in gravidanza e nel post partum

Segnaliamo un portale dedicato alla depressione pre e post partum realizzato da una mamma che ha vinto la sua depressione e ha scelto di lottare perché, come lei, tutte le future mamme possano superare questo problema.
Il sito è raggiungibile a questo indirizzo.
E’ stato anche creato su Facebook un gruppo di Auto Aiuto per la depressione in gravidanza e nel post partum. Il gruppo è raggiungibile collegandosi qui.
Sono fortunatamente molte le iniziative nate per dare un aiuto alle neomamme, da anni infatti esiste il gruppo #SosteniamoLeMamme In attesa e nel Post Partum.
Ogni informazione può essere trovata sul sito del progetto.
Segnaliamo infine il sito post-partum.it e relativo gruppo facebook
Segnalateci eventuali altre iniziative in merito e provvederemo a pubblicarle.

19 Febbraio 2015

TI POTREBBE ANCHE
INTERESSARE

news

Maternità 4.0: 10 verità politicamente scorrette che le mamme confessano solo in anonimato sul web

Esiste un posto in cui rifugiarsi per sfuggire alle lagne di bambini ingestibili e alle critiche di amici e parenti: i social network. In Rete, le neo mamme si tolgono la maschera della perfezione e tanti sassolini dalle scarpe svelando senza tabù i lati 'no' della maternità. Una blogger ha raccolto i loro racconti in un libro, e noi le abbiamo chiesto di svelarci le verità più divertenti

news

Non sei tu a decidere

«Non le sarebbe dispiaciuto sedersi tranquillamente per cinque minuti e bersi qualcosa, una tazza di tè o un bicchiere di vino, prima di giocare con i bambini. Ma i bambini stavano già giocando con lei»

Helen Phillips, The Need, 2019

news

Prendersi cura di sè e del bambino nel post partum

Consigliamo un evento che si svolgerà sabato 27  ottobre 2018 dalle ore 9.30 alle ore 12.30 presso MICRONIDO AZIENDALE “TATACLO’ ” Cuneo ( via Bongiovanni 20, 1 piano)

news

In uscita il libro “VIAGGIO NELLA DEPRESSIONE: esplorarne i confini per riconoscerla ed affrontarla”

La depressione ti annienta. È devastante e immateriale: non è una piaga da toccare, non è una malattia fisica tangibile, non è un dolore del corpo. A volte è un “tentativo di vivere”, anzi, di “tirare a campare” che rimane a lungo senza un nome e una connotazione precisa.