news

In uscita il libro “VIAGGIO NELLA DEPRESSIONE: esplorarne i confini per riconoscerla ed affrontarla”

AUTORI

Claudio Mencacci

psichiatra, direttore DSMD – Neuroscienze del FBF Sacco, Milano, Past President della Società Italiana di Psichiatria, Vice Presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia, Presidente del Comitato Scientifico di ONDA

Paola Scaccabarozzi

giornalista professionista e divulgatore scientifico, collabora da anni con diverse testate, tra cui D Repubblica, Airone, Oggi, occupandosi di salute, psicologia e scienza.

La depressione ti annienta. È devastante e immateriale: non è una piaga da toccare, non è una malattia fisica tangibile, non è un dolore del corpo. A volte è un “tentativo di vivere”, anzi, di “tirare a campare” che rimane a lungo senza un nome e una connotazione precisa. Non è, insomma, una patologia come tutte le altre. È una malattia della mente e dell’anima che, a cascata, innesca sentimenti di colpa, di inadeguatezza, di incapacità a reagire agli stimoli esterni. Ma superarla è possibile. La premessa però è che bisogna conoscerla e capirla per affrontarla al meglio.

Questa pubblicazione contiene tutti gli strumenti necessari per comprendere una patologia così complessa e dalle innumerevoli sfaccettature. Si parte dall’inquadramento generale della malattia e dalle sue ripercussioni sul piano cognitivo, relazionale, lavorativo e, più in generale, sulla qualità di vita. Si affrontano poi le varie fasi dell’esistenza in cui la depressione prende forme diverse e variegate.

Il percorso vitale delle donne assume in questo contesto un’importanza particolare perché la depressione si declina soprattutto al femminile. Fondamentali poi sono i legami con altre malattie, fisiche e psicologiche.

Punto nodale restano le modalità con cui avviene la diagnosi anche in relazione alle novità in questo ambito e ai possibili sviluppi futuri. La prevenzione e la cura rappresentano un’altra sezione rilevante del volume. Storie e testimonianze rendono efficace la comprensione di ciò che è stato trattato dal punto di vista teorico.

Le mozioni e le indagini di Onda insieme all’elenco dei centri e delle associazioni presenti in Italia per la cura della depressione e post partum costituiscono, infine, un valido strumento pratico per orientarsi.

PREORDINALO SU laFeltrinelli.it

1 Agosto 2018

TI POTREBBE ANCHE
INTERESSARE

news

Ansia e depressione post partum: i probiotici funzionano

L’ipotesi che si sta facendo largo è che l’intestino delle persone depresse presentino un microbiota caratteristico, con una diversa combinazione di ceppi batterici. Alcuni studi hanno già iniziato a stringere il cerchio intorno a questi indiziati, ma non solo.

news

Alanis Morissette confessa di aver sofferto di diversi aborti spontanei e di depressione post-partum

Intervistata di recente, Alanis Morissette ha confessato di aver sofferto di diversi aborti spontanei e di depressione post-partum. La cantautrice canadese, a 45 anni, è in attesa del terzo figlio, fortemente desiderato.

news

Come trasformare la maternità in un master

No, fare un figlio non è una battuta d’arresto. Al contrario, è un’assenza che migliora le competenze e permette di acquisirne di nuove, indispensabili al mercato del lavoro. Alcune aziende, in Italia, lo hanno già capito. Ecco perché conviene, oggi, adottare una nuova cultura del lavoro dalla parte delle mamme

news

In Brianza un nuovo progetto dedicato alla maternità “fragile”

Gli ospedali di Vimercate e Carate avviano un progetto dedicato alla maternità “fragile”. Formati per il supporto circa 80 dipendenti dell’ASST di Vimercate.