news

La depressione post-partum – Una questione di famiglia

Il libro propone un nuovo inquadramento diagnostico della Depressione post-partum promuovendo uno sguardo clinico che abbandona l’epistemologia positivista orientandosi verso l’epistemologia della complessità che considera l’essere umano come un sistema auto-eco-organizzato che interagisce attivamente con l’ambiente in cui vive. Pertanto la depressione post-partum non è riconducibile al mondo intrapsichico della donna, così come non è assimilabile in modo assoluto al contesto circostante; è l’espressione di queste due esperienze.
Da qui è nata l’esigenza di ripensare l’intervento terapeutico, introducendo la tecnica del video-intervento, quale strumento di osservazione dell’interazione triadica in atto. Il video dona la possibilità di auto-osservarsi nell’interazione con l’altro, per riflettere non in corrispondenza a una propria ricostruzione narrativa degli eventi, quanto sulle informazioni tratte dalla visione diretta della registrazione del proprio comportamento e dell’effetto che questo ha sul comportamento altrui e viceversa. Non possiamo pensare di comprendere il post-partum, scomponendo la triade nei suoi “elementi costitutivi”, perché il “sistema famiglia” non è riconducibile a una delle singole parti che lo compongono, bensì è frutto dell’intreccio di chi abita quel legame. Solo così può essere colto il significato della sofferenza quale passaggio da un livello di coerenza ad un altro. Famiglia è tessere la propria presenza con quella dell’altro, in uno scambio tri-direzionale volto alla co-costruzione del proprio esserci. Se perdessimo di vista questo, non riusciremmo a comprendere la sofferenza quale espressione di cambiamento.

19 Aprile 2017

TI POTREBBE ANCHE
INTERESSARE

news

Maternità 4.0: 10 verità politicamente scorrette che le mamme confessano solo in anonimato sul web

Esiste un posto in cui rifugiarsi per sfuggire alle lagne di bambini ingestibili e alle critiche di amici e parenti: i social network. In Rete, le neo mamme si tolgono la maschera della perfezione e tanti sassolini dalle scarpe svelando senza tabù i lati 'no' della maternità. Una blogger ha raccolto i loro racconti in un libro, e noi le abbiamo chiesto di svelarci le verità più divertenti

news

Non sei tu a decidere

«Non le sarebbe dispiaciuto sedersi tranquillamente per cinque minuti e bersi qualcosa, una tazza di tè o un bicchiere di vino, prima di giocare con i bambini. Ma i bambini stavano già giocando con lei»

Helen Phillips, The Need, 2019

news

Prendersi cura di sè e del bambino nel post partum

Consigliamo un evento che si svolgerà sabato 27  ottobre 2018 dalle ore 9.30 alle ore 12.30 presso MICRONIDO AZIENDALE “TATACLO’ ” Cuneo ( via Bongiovanni 20, 1 piano)

news

In uscita il libro “VIAGGIO NELLA DEPRESSIONE: esplorarne i confini per riconoscerla ed affrontarla”

La depressione ti annienta. È devastante e immateriale: non è una piaga da toccare, non è una malattia fisica tangibile, non è un dolore del corpo. A volte è un “tentativo di vivere”, anzi, di “tirare a campare” che rimane a lungo senza un nome e una connotazione precisa.